Categorie
Aforismi Poesia Riflessioni

“Paura”, G.G. M.

“E’ che ho paura di avere paura.”

dal libro “Dodici Racconti Fiamminghi di Gabriel Garcia Marques, 1992.

dodici racconti raminghi

Categorie
Poesia

“L’amore”, M. A.

Bello, triste,
fecondo, innocente,
totale, appassionato.

Condiviso tra due persone, tre, quattro.
Mai, se sei da solo, trovi conforto.
Mai, se rinunci, trovi riscontro.

Vivere l’amore,
impadronirsene,
divorarlo, rubarlo.

Accecante di gioia, sferzante nell’anima.
Donalo a chi se lo merita.
Offrilo a chi ne ha bisogno.
Serbalo per chi diviene.
Non regalarlo a chi non lo vuole.

Ah amore!
Dedito alla nostra anima.
Potenza infinita,
amaro e distratto,
pronto a disubbidire.

di Massimo Amato
(ottobre 2014)

Categorie
Poesia

“La carezza”, M. A.

Soffice, leggera,
una piuma che galleggia su di me.
Quelle dita!
Morbide, delicate, innocenti.

Una leggera pressione, quanto basta per sentirne la presenza.
Avanti e indietro, senza disturbare.
Senza interrompere la pace del sonno.
Paziente, la carezza, commuove.

E poi: “Buongiorno…”.
Lui, lì, dolce, tenero, mi è davanti.
Angelicamente si presenta.
“Non ho urlato sennò ti saresti svegliato male”.

Immensamente mio!
Amore innocente,
pensiero stupendo.
Anima mia inchiodata nel cuore.

Perché non ti fermi, perché passi tempo mio,
ladro di momenti stupendi.
Ti vedo lì, sempre, appena lo desidero.
Grazie per sempre.

di Massimo Amato

(ottobre 2014)

Categorie
Poesia

” ‘A livella”, A. D.C.

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

Categorie
Poesia

“Canto di un pastore errante nell’Asia”, Giacomo Leopardi

da: “Canto di un pastore errante nell’Asia” di Giacomo Leopardi


Forse s’avess’io l’ale
Da volar su le nubi,
E noverar le stelle ad una ad una,
O come il tuono errar di giogo in giogo,
Più felice sarei, dolce mia greggia,
Più felice sarei, candida luna.

Luna - falce