Categorie
Perché

Palestina

da Wikipedia

Col nome Palestina (in greco: Παλαιστίνη, Palaistine; in latino Palaestina; in in arabo: فلسطين, Filasṭīn) viene indicata la regione geografica del Vicino Oriente compresa tra il Mar Mediterraneo, il fiume Giordano, il Mar Morto, a scendere fino al mar Rosso e i confini con l’Egitto.

Attualmente il Flag_of_Palestinesuo territorio è diviso tra lo Stato di Palestina, la Giordania (l’area transgiordana più vicina al fiume, sulla sponda orientale è chiamata appunto “Palestina orientale”), il Libano, la Siria e lo Stato di Israele, ovvero l’area del Mandato britannico della Palestina (1920-1948) ad ovest del fiume Giordano (eccetto alcuni territori ad est inclusi nell’epoca biblica).

-> Conflitto Israele – Palestina

Il termine Palestina è anche usato per riferirsi allo Stato di Palestina, sebbene all’interno del conflitto israelo-palestinese questa accezione susciti violente polemiche.

Palestina è la denominazione romana della provincia che risale all’epoca dell’imperatore Adriano, nel 135 d.C.
Il cambio di denominazione del governatorato suggerisce la rottura politica fra l’impero e le autorità locali presso gli Ebrei (o Giudei).
Il nome Palestina era tuttavia un toponimo già noto, introdotto da Erodoto e utilizzato dai Greci.

Nella Bibbia la Palestina è indicata con diversi nomi e risulta una presenza contemporanea di più stati sul suo territorio: “Terra di Israele”, “Terra degli ebrei”, “Terra in cui scorre latte e miele”, “Terra promessa”, “Terra di Canaan”.

Con l’arrivo del popolo ebraico la ‘Terra di Canaan’ prese il nome di “Terra di Israele”. La storia del territorio a questo punto coincide con la storia del popolo d’Israele.

La regione costiera, attuale Stato d’Israele o Palestina (non riconosciuta) è stata colonizzata probabilmente in un’epoca intorno al 1000 a.C. dai Filistei.
L’imperatore romano Adriano decise nel 135 d.c. di emettere la disposizione drastica che proibiva agli Ebrei di risiedere nella città sacra di Gerusalemme, il centro religioso del Giudaismo, pur continuando a risiedere nel territorio circostante la capitale (le comunità ebraiche che vivono lontane dalla Terra di Israele sono note come Diaspora ed erano già molto consistenti in epoca romana).

Adriano cambiò anche il nome della provincia che da ‘Provincia Judaea’ divenne ‘Provincia Syria Palaestina’ (più tardi abbreviato in ‘Palaestina’),  utilizzato da Erodoto per indicare il territorio meridionale da distinguere della semplice Syria, che si limita alla parte settentrionale.
Nell’utilizzare il toponimo non ebraico, Adriano umiliava gli ebrei anche per il fatto di ribattezzare la loro terra con il nome di loro antichi nemici, i Filistei appunto.

-> Conflitto Israele – Palestina

Di admin

Professore Ingegnere Kung Fu Apicoltore Astrofilo