Categorie
Libri recensiti

“Solo Bagaglio a Mano”, G. R.

“Solo bagaglio a mano” di Gabriele Romagnoli, Feltrinelli, 2015

 

Alcune frasi tratte dal libro (qui la scheda ->):

Nel bagaglio a mano due o più vite non ci stanno, c’è spazio per una soltanto, quella che hai. Trasportare il peso di quelle che non sono state o non saranno non si può, né si dovrebbe.

Il bagaglio a mano rileva il superfluo. Se torni e ce l’hai fatta con quel numero di capi, fogge e colori, significa che non hai davvero bisogno di quanto, nel tuo guardaroba, esorbita. Di quanto, nella tua vita, esorbita.

Nessun fagotto può essere a prova di pieghe o altri danni. E anche questo va sempre tenuto presente: nessuno può proteggere nessuno da tutto e tutti. Il senso di colpa tende a infilarsi nel bagaglio e a renderlo di una pesantezza intollerabile, ma va scaricato o si resta bloccati.

Un giorno ho incontrato Tony Wheeler, ideatore delle Lonely Planet, le guide di viaggi più diffuse al mondo, e gli ho sentito dire: ‘Il più delle volte ho trovato quel che cercavo quando mi sono perso’.

Categorie
Aforismi

“Sapere è scienza”, I.

“Ci sono, in realtà, due cose: sapere e credere di sapere. Sapere è scienza. Credere di sapere è ignoranza.”

Ippocrate di Coo

Categorie
Aforismi

“La felicità”, M.G.

«La felicità non è figlia del mondo, ma del nostro modo di rapportarci a esso. Non dipende dalla ricchezza, dalla salute e neanche dall’affetto di unìaltra persona. Dipende solo da noi. Quindi tutti possiamo provarla».

Fai bei sogni, Massimo Gramellini

Libro ->
Recensione ->

Categorie
Riflessioni

… con i miei figli a Firenze

Firenze, 21 febbraio 2016

Le sensazioni che provo a stare con loro e che leggo nei loro occhi sono ineguagliabili.
Stasera ci siamo ritrovati a passeggiare fuori agli Uffizi di Firenze e incontrare alcuni grandi del nostro passato: Dante, Petrarca, Boccaccio, Amerigo Vespucci e Galileo Galilei.
Parlar di loro ai miei figli è stato fantastico, perché la loro curiosità, la loro voglia di conoscere e le loro promesse di un impegno nello studio “per conoscere meglio e di più di te babbo” è indimenticabile. E poi ritrovarsi in via dei Georgofili (storpiata per un attimo in ‘geroglifici’), sotto la targa che ricorda la strage del 27 maggio 1993, e spiegare perché hanno messo un’autobomba proprio lì (e nello stesso tempo essere ascoltato da un gruppo di trentenni che non ne sapevano niente. Ah! che occasioni perse dalla scuola per far conoscere la storia dell’Italia).

Grazie Chiara, grazie Francesco per essere così coinvolti nel percorso che ho instaurato con voi e per voi. Sono orgoglioso di voi due e fiero di essere il vostro babbo.
Un abbraccio. Vi amo.

Categorie
Libri recensiti

“L’ultima lacrima”, S. B.

L’Ultima Lacrima di Stefano Benni, ed. Feltrinelli, 1994.

benni_lultima_lacrima

Prestato da Maurizio. Letto marzo 2015.

Dalla IV di copertina:

I mostri degli anni passati, i mostri contemporanei, e soprattutto i mostri che potrebbero invaderci domani, e che forse possiamo ancora combattere.
Una scrittura piena di furore sorretta da un grande pathos morale.
Un’ultima lacrima che dice addio a ogni sterile piagnisteo.

Categorie
Libri recensiti

“Ecco Lui!”, A.P.

“Ecco Lui!” di Anonimo Piemontese, Edizioni Erasmo, 2014, pagg. 107

Ecco Lui!

Letto Maggio 2015 – Regalo di Andrea B. per il compleanno.

Libro esilarante, da leggere assolutamente. Se poi si conosce anche qualche livornese vero non si può che riconoscerlo in queste pagine.

 

Categorie
Aforismi

“Sono sempre felice”

Sono sempre felice, sai perché? Perché io non mi aspetto niente da nessuno, l’attesa fa sempre male.
I problemi non sono eterni e hanno sempre una soluzione.
L’unica cosa che non ha soluzione è la morte.
Non permettere a nessuno di offenderti, di umiliarti. Non devi assolutamente farti abbassare l’autostima.
Le urla sono l’arma dei vigliacchi, di coloro che non hanno ragione.
Troverai sempre persone che ti vogliono dare la colpa del loro fallimento, ma ognuno avrà ciò che merita.
Goditi la vita, perché è molto breve, amala pienamente e sii sempre felice e sorridente.
Vivi la tua vita intensamente, e ricorda:
prima di discutere, respira.
Prima di parlare, ascolta.
Prima di criticare, esaminati.
Prima di scrivere, pensa,
Prima di far male, senti.
Prima di arrenderti, prova.
Prima di morire, Vivi.

Anonimo (certamente no William Shakespeare)

Categorie
Musica

“What a Wonderful World”, L. A.

What a Wonderful World fu scritta da Bob Thiele (con lo pseudonimo George Douglas) e George David Weiss e interpretata per la prima volta da Louis Daniel Armstrong.

Qui l’interpretazione di Luis Amstrong disponibile su YouTube: http://youtu.be/E2VCwBzGdPM

Il testo in inglese:

I see trees of green, red roses too 
I see them bloom for me and you 
And I think to myself, what a wonderful world 

I see skies of blue and clouds of white 
The bright blessed day, the dark sacred night 
And I think to myself, what a wonderful world 

The colours of the rainbow, so pretty in the sky 
Are also on the faces of people going by 
I see friends shakin’ hands, sayin’ How do you do? 
They’re really saying I love you 

I hear babies cryin’, I watch them grow 
They’ll learn much more than I’ll ever know 
And I think to myself, what a wonderful world 
Yes, I think to myself, what a wonderful world 

Oh yeah

e la traduzione in italiano: