Categorie
Libri recensiti

“Super salute”, G.M.

“Super salute” di Gualerzi Massimo con Rinaldi Claudio, prefazione di Ongaro Filippo, pag. 208, ed. Sperling & Kupfer, 2013.

 

[pag. 4] Thomas Edison diceva: “Il medico del futuro non prescriverà medicinali, ma spiegherà ai suoi pazienti perché ci si ammala e li aiuterà a seguire una dieta salutare e un comportamento corretto.”

[pag. 6] … la pressione normale è 120/80 mmHg a ogni età e che la pressione ottimale è la più bassa che una persona possa tollerare.

L’ipertensione arreca danni agli organi e aumenta notevolmente l’incidenza di rischi cardiovascolari. Avere la massima 20 mmHg più alta della media e la minima 10 mmHg più alta fa raddoppiare il rischio.
… 120/8 va bene, 140/90 no, è troppo alta.

Categorie
Aforismi

“Allarmista”, A. W.

“Non sono un ipocondriaco, sono un allarmista.”

di Woody Allen

Categorie
Aforismi

“Dottore del futuro”, T. A. E.

“Il dottore del futuro non darà medicine, ma invece motiverà i suoi pazienti ad avere cura del proprio corpo, alla dieta, e alla causa e prevenzione della malattia.”

oppure

“Il medico del futuro non prescriverà medicinali, ma spiegherà ai suoi pazienti perché ci si ammala e li aiuterà a seguire una dieta salutare e un comportamento corretto.”

di Thomas Alva Edison

Categorie
Aforismi

“Amore”

La malattia più diffusa al mondo è l’amore.
dal film “Tutta colpa di Freud”, 2014

Categorie
Riflessioni

Peccato!

Due amici hanno la propria figlia malata, molto malata. A soli 6 anni deve fare la chemioterapia per avere qualche speranza di sopravvivere.
Anche se la malattia regredisse, le conseguenze delle cure saranno indelebili per tutta la vita.
Perché accade tutto ciò?
E’ solo sfortuna? Si chiamano disgrazie?
Come fare ad andare avanti?
Dalla nostra possiamo ritenerci fortunati finché non ci accade qualcosa di simile.
Ma perché!
C’è un Dio? Una divina provvidenza? Una giustificazione a tutto ciò?
Dal canto mio, per adesso, credo che sia solo la natura che ci presenta queste disgrazie. Lei che prova e riprova, per un’evoluzione instancabile.

Ma che pena e che dispiacere!
Ahimè,  ci tocca sopravvivere alla giornata.

Massimo Amato